Spesometro 2017, ecco che cosa e' successo davvero. Giuliano Mandolesi su Formiche.net


Lo Spesometro 2017 è sicuramente l’adempimento fiscale che ha suscitato più polemiche nell’ultimo decennio.

Nato sotto una cattiva stella si è rivelato infatti un progetto tanto ambizioso quanto rischioso tanto da diventare una vero e proprio boomerang per il tridente governo-Agenzia delle Entrate-Sogei.

L’adempimento infatti, già presente nel nostro ordinamento e consistente in un unico invio annuale da parte dei soggetti Iva di tutte le fatture emesse e ricevute, è stato rivoluzionato con l’ultima Finanziaria per consentire al governo di inserire nel bilancio dello Stato circa 2 miliardi di gettito stimato derivante dal recupero Iva.

La rivoluzione consisteva nel frazionare l’invio facendolo diventare trimestrale (semestrale solo per il 2017) in modo da consentire all’Agenzia delle Entrate di effettuare i controlli più velocemente e riscuotere in maniera più repentina il dovuto grazie alla disponibilità immediata dei dati Iva.

Il problema però, gravissimo ed inaccettabile, è che questi dati si sono rivelati troppo disponibili.

 

L'articolo integrale su formiche.net al link http://formiche.net/2017/09/27/754389/

linea

indietro