MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI CON IL DDL STABILITA' 2015


Il DDL STABILITA' 2015 modifica fortemente il regime c.d. dei minimi.

Il disegno di legge prevede un incremento dell'imposta sostitutiva dal 5% al 15% con soglie di ricavi massimi differenziati per attività svolta, da un minimo di 15.000 per i professionisti ad un massimo di 40.000 per i commercianti.

Il regime riformato prevede anche la presenza costi forfettizzati e modifiche sulle modalità di calcolo dei contributi che, per alcune tipologie di attività, passeranno da fissi (con minimali) a variabili (in base al reddito dichiarato).

Importante modifica riguarda anche l'assenza di limite temporale di permanenza nel regime fissato prima in 5 anni o fino i 35 anni di età.

Inoltre, per agevolare le nuove attività, nei primi tre peridi d'imposta, i contribuenti avranno la possibilità di dichiarare il reddito ridotto di un terzo.

linea

indietro