Legge di Stabilita' 2016: il super ammortamento.


Novità fiscali: Il super ammortamento.

La Legge di Stabilità 2016 (L. 208/2015), ai commi 91 -94, ha previsto la possibilità per imprese e professionisti di dedurre ai fini Ires e Irpef una percentuale maggiore di ammortamento ai fini fiscali. Nello specifico, l’agevolazione consiste nell’incrementare il costo di acquisto fiscale del bene del 40% e sul costo così determinato calcolare gli ammortamenti, rimanendo fisse le percentuali di ammortamento previsto dal Decreto Ministeriale 31.12.1998.

A titolo esemplificativo, un bene strumentale acquistato per € 10.000 potrà essere ammortizzato fiscalmente prendendo come riferimento un valore pari ad € 14.000. 

Soggetti beneficiari:

Possono usufruire di tale agevolazione i titolari di reddito di impresa e gli esercenti arti e professioni che acquistano beni nel periodo compreso tra il 15 ottobre 2105 e il 31 dicembre 2016. Per quanto riguarda l'ambito oggettivo, tali beni devono possedere il requisito della materialità (quindi sono esclusi i beni immateriali), della strumentalità, quindi utilizzati durevolmente nell'attività svolta, e della novità, ossia acquistati direttamente dal produttore e dal commerciante del bene.

Sono espressamente esclusi da tale agevolazione costruzioni e fabbricati, beni con un coefficiente di ammortamento di cui al D.M. 31 dicembre 1988 inferiore al 6,5% e beni espressamente indicati nell’Allegato 3 della Legge di Stabilità 2016.

L'Agenzia delle Entrate, nel corso di Telefisco, ha chiarito alcuni aspetti applicativi:

  • è stato chiarito che il Super ammortamento si applica anche per i soggetti che hanno aderito al vecchio Regime dei Minimi. E’ precluso invece l’accesso ai soggetti che hanno aderito al regime forfettario;
  • rientrano tra i beni agevolabili anche quelli di costo non superiore a un milione di lire anche se integralmente dedotto nell'esercizio di sostenimento;
  • per l’acquisto di autovetture ad uso promiscuo, l’’Agenzia ha chiarito che il super ammortamento comporta l’innalzamento del limite di deducibilità da € 18.076 ad € 25.832.

Per quanto riguarda le società tenute alla redazione del bilancio di esercizio, si sottolinea che tale agevolazione non avrà effetti sugli ammortamenti civilistici, dal momento che il maggior ammortamento sarà effettuato extra contabilmente in sede di compilazione del modello unico con apposita variazione in diminuzione.

Il nostro studio rimane a disposizione per qualunque chiarimento.

Saluti.

linea

indietro